Sante Di Renzo

Prima di attivare una società di affari regolatori, Sante Di Renzo, in qualità di chimico, ha lavorato per circa otto anni presso industrie farmaceutiche (Recordati, Abbott, Scherer, Crinos), inizialmente nei reparti di Controllo Qualità e successivamente nel settore della produzione di compresse, capsule, fiali; nei reparti sterili; nel confezionamento e nella programmazione generale di tutta l’attività produttiva; nella predisposizione delle procedureriguardanti tutti i settori aziendali, cosa che rappresentava una assoluta novità in quel periodo, e anche in qualità di “procuratore”, con l’incarico di seguire le attività di affari regolatori presso il Ministero della Sanità, e infine come assistente del direttore generale per la gestione dei rapporti nazionali e internazionali.

In seguito ha trascorso due anni presso Farmindustria, come tecnico impegnato su diversi settori degli affari regolatori, come ad esempio il prontuario terapeutico nazionale, l’informazione scientifica, il codice deontologico, la questione dei prezzi dei medicinali, l’evoluzione delle normative nazionali ed europee, impegnandosi, inoltre, nelle relazioni tra Farmindustria e i vari enti interessati, quali ad esempio il Ministero della Sanità, l’Istituto Superiore di sanità, l’EFPIA e le varie Aziende Farmaceuticheassociate.

Tutte queste esperienze tecniche-normative hanno rappresentato una speciale unicità che hanno fornito le basi ottimali per consentire l’attivazione di una attività di consulenza regolatoria, con le migliori condizioni possibili, convinto che il rapporti di attività regolatoria sono tanto più qualitativamente elevati ed espandibili a livello internazionale quanto più ampia è la preparazione di base di tutte le persone impegnate in quella unità.

E la cultura generale dell’intero gruppo sarà sempre più alta quanto più alta è quella delle persone preposte alla guida. Avviare e mantenere in modo efficiente una attività di affari regolatori senza disporre delle necessarie competenze tecniche e normative è sempre più limitativo specie quando ci si trova affrontare nuove tematiche e nuove esigenze aziendali.

Nel 1985 Sante Di Renzo ha dato l’avvio ad una Agenzia di Affari Regolatori (Di Renzo Regulatory Affairs) che, grazie anche ai presupposti sopra menzionati, è, fortunatamente, in continua espansione, in Italia e all’estero.

Essa mantiene i rapporti tra le Aziende e le strutture regolatorie come Ministero della Salute, l’AIFA, l’EMA e le agenzie europee del farmaco.
Visitare il sito www.santedirenzo.it riguardante l’attività editoriale