Attenzione alle pubblicità ingannevoli

Attenzione alle pubblicità ingannevoli

Oggi voglio parlarvi di un tema molto importante: la pubblicità ingannevole degli integratori alimentari.

Gli integratori alimentari sono prodotti che hanno lo scopo di integrare la normale alimentazione e che contengono sostanze nutritive o altre sostanze con effetto nutrizionale o fisiologico.

Questi ingredienti possono essere utili per prevenire o correggere carenze nutrizionali e per sostenere il benessere fisico e mentale.

Pur essendo indicati ed utili per tutta la popolazione, gli integratori alimentari si sono rivelati validi alleati per chi svolge attività sportive, grazie alla presenza di ingredienti che contribuiscono, ad esempio, alla riduzione di stanchezza ed affaticamento.

Tuttavia, non tutti gli integratori alimentari sono uguali e non tutti sono efficaci e sicuri come promettono.

Spesso, infatti, ci troviamo di fronte a pubblicità ingannevoli che esaltano le proprietà benefiche di questi prodotti, senza rispettare la normativa sui claims e le informazioni per il consumatore.

Queste pubblicità possono indurre i consumatori a credere che gli integratori alimentari siano in grado di curare malattie, di sostituire una dieta equilibrata o di garantire risultati miracolosi.

Questo tipo di pubblicità è illegale e dannoso per la salute dei consumatori. Infatti, la normativa europea e italiana stabilisce che gli integratori alimentari non possono vantare effetti terapeutici o preventivi nei confronti di malattie umane.

Inoltre, qualsiasi claim (nutrizionale o salutistico o di riduzione del rischio di una malattia) deve essere stato autorizzato dalla Commissione Europea, previa valutazione scientifica dell’EFSA (Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare).

Inoltre, la pubblicità deve essere veritiera, corretta e non fuorviante e deve riportare le informazioni obbligatorie previste dalla legge.

Come possiamo difenderci dalla pubblicità ingannevole degli integratori alimentari? Innanzitutto, dobbiamo essere informati e critici nei confronti delle informazioni che riceviamo.

Dobbiamo leggere attentamente le etichette dei prodotti e verificare la presenza di alcuni dati che sono obbligatori, come il nome del produttore o dell’importatore, la denominazione, la quantità netta, il termine minimo di conservazione o la data di scadenza, la lista degli ingredienti e la dichiarazione nutrizionale, le modalità d’uso, le avvertenze e le controindicazioni, la dicitura:

Gli integratori alimentari non vanno intesi come sostituti di una dieta variata ed equilibrata e di uno stile di vita sano. Non superare la dose giornaliera raccomandata. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni di età.”.

Infine, dobbiamo diffidare delle offerte troppo allettanti.

Se riteniamo di essere stati vittime di una pubblicità ingannevole, possiamo segnalarla alle autorità competenti. In questo modo, contribuiremo a tutelare la nostra salute e quella degli altri consumatori.

Spero che questo articolo vi sia stato utile per conoscere meglio il mondo degli integratori alimentari e per difendervi dalle pubblicità ingannevoli.

Se avete bisogno di ulteriori informazioni potete visitare il sito web www.direnzo.biz.

Grazie per l’attenzione e alla prossima!

Foto di Bruno /Germany da Pixabay

Sante Di Renzo

Nel 1985 ho dato l’avvio ad una Agenzia di Affari Regolatori (Di Renzo Regulatory Affairs) che è, fortunatamente, in continua espansione, in Italia e all’estero.

Related Posts

Codice UDI dei dispositivi medici: cosa cambia con l’entrata in vigore?

Codice UDI dei dispositivi medici: cosa cambia con l’entrata in vigore?

Le app medicali sono da considerarsi dispositivi medici?

Le app medicali sono da considerarsi dispositivi medici?

Nitrosammine, aggiornate le Q&A

Nitrosammine, aggiornate le Q&A

L’informatore scientifico del farmaco

L’informatore scientifico del farmaco

Libro sugli integratori alimentari
Rivista Farmaceutica